come gioco con la chitarra

Per la prima comunione Leo ha avuto in dono una chitarra, bellissima

Un suo compagno di classe lo scorso anno ha fatto un corso e ieri pomeriggio si sono incontrati per suonare

Bellissimo vedere due bambini di nove anni strimpellare e scoprire le mille sfumature del suono in base a come si interviene sulle corde e il calore che si diffonde nell’ambiente

Il gioco (il zum spielen tedesco, così come il to play inglese o il jouer francese …), la curiosità, la creatività della ricerca di nuove possibilità espressive: musica

Che poi il tic tac che si sente da dietro si chiami metronomo o diapason poco conta, l’importante è esserci a ciò che accade

E il loro sorriso racchiude tutto questo e un po’ mi ricorda di me quando iniziai con la tastiera da autodidatta che il sorriso era l’espressione della pace che suonare mi donava

E che bello ancora vedere che si fanno i bigliettini che vengono ripiegati con cura (va beh… molto relativo…)

Finchè c’è musica c’è speranza:-)

WP_20160517_07_23_13_Pro

 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...