mani vuote

“Avete perso la vostra vita, dicevano guardando le mie mani vuote; e nessuno intendeva il Dio che danzava nel mio cuore”

Louise Cattiaux

Ne parlavo ieri sera con mia moglie, prendendo a spunto una sua collega “votata” al lavoro, circa il fatto che spesso le persone giudichino e siano giudicate per quanto possiedono, per quanto ostentano, per “dove” sono arrivate, senza dubitare che magari per loro la felicità sia altro.

E’ un effetto collaterale, come per certi medicinali, della società in cui viviamo, il mito della performance, dello status, dei risultati ottenuti a mo’ di biglietto da visita nei confronti del mondo.

Si guardano le mani degli altri e da ciò traiamo conclusioni su chi si ha di fronte.

Non mi sottraggo a questa logica, io per primo numerose volte ho agito in questa maniera e di certo mi capiterà ancora.

Ci sono però sprazzi di chiarezza in cui si comprende che questa logica è falsata alla base.

Mi vengono alla mente altre poche righe che credo rendano bene la cosa:

 “Il carattere di una persona è come tratta coloro dai quali non può avere nulla.”

Mi pare che sì, renda l’idea, parli di quella umanità che dovrebbe essere cosa altra rispetto alla convenienza, al baratto che spesso si insinua nei rapporti, magari anche in questi “virtuali” in cui ad esempio si rischia di smerciare “attenzione” chiedendone altrettanta in cambio.

Cose così.

Ho le mani vuote e ne sono ben lieto.

S

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

9 risposte a mani vuote

  1. lillopercaso ha detto:

    Già… Chiara visione.
    Mi ero sconnessa per lasciarti il mio apprezzamento anonimamente, senza aspettarmi niente in cambio, ma non lo accetta. peccato. L’intento era sincero.

  2. eletta senso ha detto:

    a mani vuote rivolgersi a un altro. a mani vuote tornare da un altro. vedo molto “ego” intorno a me. in ogni campo d’esperienza. un succhiare continuo, un vampirizzare per ottenere linfa vitale e apprezzamento. che bello sarebbe se, davvero, a mani vuote si riuscisse semplicemente a essere… senza nulla pretendere, senza voler risplendere.

  3. Riyueren ha detto:

    Io non possiedo nulla, tranne me stessa: quello che sono è tutto quello che ho 🙂 Anche le mie mani sono vuote, libere…forse è questo che veramente serve per poter dare qualcosa agli altri…una carezza, per esempio.

  4. setteanelli ha detto:

    mi piace questo post! –
    una delle tue mani libere la chiedo per un attimo –
    giusto il tempo di stringerla.

  5. ciprea ha detto:

    eppure le mani sanno dire tante cose… bellissimo post

  6. Blumy ha detto:

    credo di averti visto nel mio blog; sono felice di conoscerti e dirti che le tue mani sono piene, lo dice il tuo blog, lo dicono le tue parole; le mani sono un’estensione del cuore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...