la somma

 

Molto più importante di quello che sappiamo o non sappiamo

è quello che non vogliamo sapere.

 Eric Hoffer

ricordo quell’esercizio alle elementari per cui si dovevano cerchiare gli oggetti dello stesso tipo, come le tazzine del caffè seppur di tipi diversi o le palle da calcio di diverse dimensioni e colori, per avvicinarsi al concetto di insiemi

più avanti, al catechismo o nei momenti di preghiera con gli scout, le due colonne, bene e male, in cui suddividere azioni e pensieri del giorno

una dicotomia per dare una definizione e collocazione al mondo fuori di se stessi, discriminare per ordinare le cose

un manuale di istruzioni per leggere fuori e dentro se stessi

contenersi in contenitori, due soli, ogni cosa al suo posto, un posto per ogni cosa

bianco-nero, vero-falso, giusto-ingiusto, lecito-illecito, bello-brutto

decenni a vivere così, facendo attenzione che non vi fossero zone di sovrapposizione, toni intermedi, definizioni non univoche

poi la vita, unica Maestra, ci mostra che in realtà tutto è una somma di componenti apparentemente inconciliabili

il bianco esiste grazie al nero, nel vero c’è del falso e viceversa, il giusto di oggi potrà essere l’ingiusto di domani, la liceità è da legare alla spontaneità/naturalità piuttosto che alla moralità, la bellezza non tanto un aspetto estetico quanto uno stato di coscienza

la somma, ecco

le tazzine del caffè che si mischiano con le palle da calcio, il peccato con la divinità, la lussuria con l’estasi

la somma, appunto

Rodney Smith

 Rodney Smith
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

6 risposte a la somma

  1. arielisolabella ha detto:

    piu’ invecchio piu’ capisco che tutto si sfuma …ed io navigo a visto nella nebbia sempre piu’fitta.
    un abbraccio caro S

  2. theallamente ha detto:

    yin e yang, gli opposti complementari e le loro infinite possibilità compositive…
    già
    il tutto
    e nulla escludere, nulla giudicare
    ti abbraccio

  3. iraida2 ha detto:

    E’ tremendamente vero quello che scrivi. Con l’età, i contorni di tante convinzioni appaino sempre meno netti e precisi!

  4. m0ra ha detto:

    Su alcune cose l’esperienza ha insegnato, per altre mi ha lasciata come una bimba che divide il mondo in due opposte categorie. Dipende…

  5. silvianovabellatrix ha detto:

    La somma di tutto è il bianco, l’assenza di tutto è il nero. Ciao Sergio, un saluto.

  6. Pingback: La somma – autore: Sergio Daniele | Attipoetici

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...