annebbiato

stasera uscendo dal lavoro ho trovato la nebbia

 

non sto parlando di quel velo lieve che rende ogni cosa differente ed in un certo senso più affascinante, no, parlo di un vero e proprio muro che limita la visibilità a pochi metri

 

una delle mie poche paure, nata da quando ho iniziato a guidare

 

sarà il fatto che anni fa, proprio una sera come questa, mi ero quasi convinto di fermarmi avendo del tutto perso la sensazione di dove mi trovassi e soprattutto temendo di uscire di strada considerata la illuminazione inadeguata di certe vie minori

 

nebbia e buio assieme su di me hanno un effetto particolare, facendomi perdere la cognizione delle distanze percorse e di conseguenza dei punti di riferimento lungo il percorso

 

no, va bè, ovviamente è sufficiente andare piano e non succede nulla, come poi è sempre andata

 

però riflettevo su come a volte la vita abbia in sè delle fasi analoghe a quanto ho vissuto stasera, in cui anche il solito e noto, per fattori imprevedibili, ci si velano o diventano irriconoscibili pur essendo a portata di mano

 

l’inflazionato modo di dire “mi si è annebbiata la mente” rende l’idea, in effetti

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

8 risposte a annebbiato

  1. semprevento ha detto:

    post chiarissimo!
    notte
    vento

    • parolesenzasuono ha detto:

      ah ah ah

      hey, sono sul mac di mia moglie—
      è un casino—
      ho ri-postato, vedi un po’—

      • semprevento ha detto:

        ora vedo la nebbia!!!
        Avevo intuito qualcosa di simile…
        Noi qui non siamo abituati alla nebbia ma quando cala, ogni tanto, si va tutti a due..e
        la paura attanaglia…s’annebbia non solo la mente ma anche la vista!
        …..sei super tecno…viva le mogli!

  2. Rebecca o semplicemente Pif ha detto:

    Ciao Sergio, sulle strade la nebbia a volte tradisce.. ma con la prudenza di tutti la nebbia può essere molto affascinante.. ti auguro una serena giornata sia prudente ti abbraccio Pif

  3. arielisolabella ha detto:

    le mie radiciaffondano nel regno nella nebbia vedi pianura padana….ricordo che da bambina uscivo dal casale di mia nonna e tenendo la mano contro il muro andavo dalla mia vicina amica …non riuscivo a vedere le gambe!! ehhhh ….non ci sono piu’le nebbie di una volta S 🙂 …pero’in molti cervelli sono …se e’possibile …ancora peggio!!!

  4. theallamente ha detto:

    per noi che siamo abituati a climi nebbiosi c’è qualcosa di intimo e piacevole nella nebbia. Quasi di mistico, come se qull’annebbiamento anche sensoriale potesse portare ad una maggior chiarezza della visione interiore. Forse “mente annebbiata” allude più, però, alla perdita di punti di riferimento… e anch’io trovo sgradevole guidare nelle notti di nebbia fitta.
    Dimenticavo: nessun tuo commento è andato perso. Semplicemente, come molti esuli splinderiani, ho 2 blog pressochè identici: uno su iobloggo e uno su wordpress: controlla e vedrai che i tuoi commenti ci sono tutti!!! (gli esuli splinderiani non si fidano più delle piattaforme blog)

  5. ciprea ha detto:

    la nebbia, come la pioggia o la neve mi piace solo se sono “rintanata” al calduccio, vicino al camino… brrrrrr

  6. sls ha detto:

    in certi luoghi la nebbia non esiste

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...