“che ognuno canti il suo canto” (Lode di Ysolt)

Lode di Ysolt

Invano ho lottato

                               per indurre il mio cuore a piegarsi;

vanamente gli ho detto:

                              “ci sono altri cantori più grandi di te”

Ma viene la sua risposta, come il vento e il liuto,

come un vago lamento notturno,

che non mi dà tregua, ripetendo:

                                   “un canto, un canto”

I loro echi si intrecciano nel crepuscolo

Sempre cercando un canto.

Ecco, sono esausto, travagliato

E il mio girare per molte strade ha fatto dei miei occhi

Rossi cerchi scuri pieni di polvere.

Eppure nel crepuscolo un tremito mi prende:

           E le piccole parole rosse-folletti gridano “Un canto”

           Piccole grigie parole-folletti gridano “Un canto”

           Piccole brune parole-foglie gridano “Un canto”

           Piccole verdi parole-foglie gridano per avere “Un canto”

Le parole sono come foglie, vecchie brune foglie primaverili

Che volano non si sa dove, alla ricerca di un canto.

Parole bianche come fiocchi di neve, ma fredde,

parole muscose, parole sulle labbra, parole di pigri ruscelli.

Invano ho cercato

           d’insegnare alla mia anima a chinarsi,

invano l’ho supplicata:

           “Vi sono anime più grandi di te”

Perché nel mattino dei miei anni giovanili venne una donna

Come il richiamo del chiaro di luna,

come la luna richiama le maree,

                                 “canto, un canto”

Le composi quindi un canto, ma ella se andò via da me,

come la luna scompare dal mare,

eppure venivano le parole-foglie, piccole brune parole-folletti,

dicendo: “L’anima ci manda”

                                  “Un canto, un canto!”

E io invano gridai loro: “Non ho nessun canto,

perché colei che ho cantata se n’è andata via da me”

Ma la mia anima mi mandò una donna, di una razza meravigliosa,

una donna come fuoco sopra le pinete

                        che gridava “Canto, un canto”

come un fiamma grida alla linfa,

il mio canto s’accese di lei, ed ella se ne andò via

come fiamma che lascia le braci; se ne andò nelle nuove foreste

lasciandomi le parole che gridavano sempre

                      “Un canto, un canto”

E io “Non ho nessun canto

Finché la mia anima mi mandò una donna come il sole:

si, come il sole chiama il seme,

come la primavera sopra il ramo,

così viene lei, madre dei canti,

quella che tiene le meravigliose parole dentro gli occhi

le parole, piccole parole-folletti

che sempre chiedono,

                      “Canto, un canto”

Ho invano lottato con l’anima mia

                       Per insegnarle a chinarsi.

Ma quale anima si china se tu

                        Risiedi nel suo cuore?

Ezra Pound, Poesie, a cura e traduzione di Ghan Singh, Newton e Compton edizioni, Roma, 2010
 
 
(tratto da “Il tantra e la purificazione dei sensi” di Kalavani Devi (Cristina Valle), Xenia Edizioni, 2000)
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

6 risposte a “che ognuno canti il suo canto” (Lode di Ysolt)

  1. ombradiunsorriso ha detto:

    Finalmente qualcuno si ricorsa di Ezra Pound… 🙂

  2. lucianaele ha detto:

    Bellissimi questi versi di Ezra Pound………e anche l’immagine che hai inserito.
    Buona giornata,
    Luciana

  3. LaLupa67 ha detto:

    Non la conoscevo…
    è bellissima…
    Bravo tu a postarla!
    ciao

  4. setteanelli ha detto:

    grazie !

    molto bello questo post

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...