il legame tra lo spessore della carta e la fede cristiana

 

certo, detto così non rende.

torniamo indietro, a quel ragazzino che ero alle scuole medie, quando la suora all’ora di religione tirava fuori un libriccino e ci leggeva dei racconti brevi, non tratti dalla Bibbia, che ci parlavano di Dio

ho pezzi di ricordi su di uno in particolare, in cui si diceva che Dio ci considera una squadra di calcio e ne è l’allenatore, se un giocatore è stanco va in panchina e lui gli offre dell’acqua, una cosa di quel tipo

a parte il contenuto, quello che mi piaceva del famoso libriccino, che con rammarico non so come reperire e per il quale sarei disposto ad esborsare una cifra notevole, era lo spessore della carta delle pagine che lo componevano

una cosa che mi è rimasta nel tempo

sai quelle pagine con una carta leggerissima che la devi trattare con cura per rovinarla e non farle fare “le orecchie” agli angoli? ecco, quella

sempre in quel periodo iniziai a fare parte del gruppo scout cattolico del mio paese ed anche lì, frequentando spesso la Chiesa, ritrovai la famosa carta: ricordo il buon Don Lucio che al campo estivo aveva un breviario tascabile che reputavo bellissimo, così come per la Bibbia tascabile, edizioni Marietti, che ovviamente custodisco gelosamente da quegli anni

insomma, spero di non essere blasfemo affermando serenamente che la mia fede si è alimentata oltre che delle parole stampate, della carta su cui erano stampate

le vie del Signore sono infinite, no?

     campo scout, anno 1989 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

9 risposte a il legame tra lo spessore della carta e la fede cristiana

  1. sonoqui ha detto:

    Il tuo pensiero non è affatto sacrilego.
    Durante l’adolescenza ho frequentato spesso la chiesa.
    Ero stata chiamata a far parte della schola cantorum della mia parrochia, e
    ciò mi ha dato modo di conoscere quel mondo fatto di incenso, paramenti, canti,
    preghiere, prediche e processioni. Allora non lo capii, pensavo fosse fede religiosa.
    Poi mi sono accorta che forse era solo un bel “gioco” e mi sentivo serena.

    Buona giornata
    Gina

    • parolesenzasuono ha detto:

      ciao Gina,
      mi trovi perfettamente in accordo: tanta della “suggestione” (misticismo) che suscitano le religioni è dettatto da un insieme di fattori multi-sensoriali (olfatto, vista, udito…) che creano in noi emozioni—

      dici bene tu: incenso (olfatto), paramenti (vista), pregherie, canti (udito), tutto ci spinge ad un coinvolgimento emotivo con il rito che si sta officiando—

      la stessa cosa si presenta alle varie latitudini e longitudini del mondo, sin dalla notte dei tempi—

      teniamo anche conto che la religione cristiana ha assorbito molte delle ritualità pre-cristiane/pagane, facendolo sue—

      • Silvia Novabellatrix ha detto:

        Verissimo….le religioni poi ben conoscono il potere di colori, cristalli, essenze…ben prima che si parlasse di cromo o aromoterapia 😉
        Tuttavia, come si fa a non ricordare con piacere quelle suggestioni?

      • parolesenzasuono ha detto:

        l’essere umano è emotivo, nel senso che si emoziona—

        da sempre il rito religioso è uno strumento di comunicazione con la sua essenza intima, penso allo sciamanesimo di cui mi sono interessato parecchio, che è la prima forma di contatto testimoniata tra l’uomo ed il sacro/magico (non a caso non menziono il temine Dio, concetto intervenuto successivamente…)

        il tentativo eterno dell’uomo di dare spiegazioni alla sua presenza in questa avventura che è la Vita si rinnova di epoca in epoca cambiando i mezzi di espressione ma mantenendo di fondo le stesse esigenze—

        io vivo di suggestioni e le amo intensamente perchè sono parte di me ed io il loro

  2. luciabaciocchi ha detto:

    Anche io ho questi ricordi lontani, le suore che mi insegnavano il catechismo per sostenere l’esame per fare la prima Comunione. Confesso non avevo capito nulla, avevo 6 anni e sapevo appena leggere…le mie conoscenze sono ancora incerte e poco profonde, ma certi principi scritti nel quaderno delle suore ancora li ricordo beneissimo. Un saluto

  3. mizaar ha detto:

    condivido quelle suggestioni che ti fanno vivere. se così non fosse quanto arida sarebbe la nostra esistenza!

  4. ili6 ha detto:

    anche io ho trascorso un lungo periodo della mia adolescenza a stretto contatto con la parrocchia, con i canti comunitari, gli incensi, le candele, i cineforum, i giochi e naturalmente le preghiere. Ho bei ricordi: freschezza, gioventù, serenità, fiducia, buone amicizie, bei propositi. Crescendo, poi, mi son fatta tante domande, ho guardato con occhi da adulta, occhi sicuramente più freddi e distaccati, ed ho creato legami e parallelismi con le mie insoddisfazioni, (quasi a voler cercare “il colpevole”) fino a staccarmi da certi riti e suggestioni che, confesso, oggi ancora più adulta e più saggia, oggi spesso mi mancano.
    E da adulta faccio anche un’altra considerazione: per me adolescente quei luoghi e quei riti di chiesa sono stati importanti e sicuramente hanno contribuito a ciò che sono oggi. Ma i ragazzi di oggi, con altri luoghi ed altri riti, cosa diverranno domani?

  5. Davide ha detto:

    Vorreste dire che il come vale quanto il cosa?
    Davide

  6. parolesenzasuono ha detto:

    grazie Davide del tuo comemnto—

    qui nessuno vuole dire nulla se non le emozioni che ogni cosa suscita—

    la scala dei valori, del come, del cosa, non è intenzione di nessuno dare metri di giudizio: qui si parla di emozioni, squisitamente personali e talvolta irripetibili—

    ciao,
    S

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...