prove di contatto con il mondo

ero alle superiori, credo in seconda

non so più come, ebbi notizia che “La Stampa“, il quotidiano di Torino per antonomasia, offriva un abbonamento con consegna a domicilio

mi abbonai per due numeri la settimana con annesso supplemento settimanale (forse Torino Cultura, non ricordo bene)

mi pare come fosse ieri il profumo della carta stampata appena tolta dal cellophane ed il mio tocco quasi religioso nel girare le pagine e scrutare le notizie

una finestra sul mondo, in effetti: io del paese di provincia che accoglieva in casa l’intero mondo e su di esso indagava sino a sera tardi

da lì poi all’abbonamento ad un settimanale, Panorama prima e l’Espresso poi

ricordo la mattina sul pullman verso scuola che leggevo articoli e articoli e poi ritagliavo le cose più interessanti come recensioni di libri, dischi, discorsi, citazioni

una sorta di collezione di suggerimenti, emozioni, rimandi, cosa che mi è sempre rimasta e che coltivo ancora oggi

mi è tornato alla mente quel profumo di carta stampata, quel ragazzino così curioso circa il mondo, quella ingenuità così genuina

e penso oggi al mio affacciarmi frettoloso sui siti di quotidiani e riviste per scorrere le news del giorno

(chissà se ci sono ragazzini che non vedono l’ora di potere sfogliare un quotidiano, come facevo io allora)

 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

13 risposte a prove di contatto con il mondo

  1. arielisolabella ha detto:

    mi rimane dentro l’amore per la carta stampata…ti capisco e non c’e’niente da fare….

  2. fab ha detto:

    conosco tanti ragazzini, azzarderei tantissimi…ma nessuno con quella attitudine.
    I ragazzi leggono, dal web, qualcuno la gazzetta dello sport. Ma pochi hanno desiderio di “informarsi” del mondo e dei fatti..Purtroppo

  3. silvianovabellatrix ha detto:

    Adoravo sfogliare i giornali , fin da bambina….e vedevo gli adulti sconcertarsi per questo. Onestamente, credo fosse proprio per il piacere fisico di toccare la carta …perchè delle notizie, poteva giusto importarmi un po’ di sport ( non il calcio) e ben poco altro. Ma per me era un piacere irrinunciabile riceverlo dalle mani di mio padre 🙂
    Più tardi, anch’io cominciai a conservare foto e ritagli. Ne riempivo faldoni e quaderni, anche perchè allora internet non c’era e trovare immagini belle non era facile.
    Adesso Internet c’è ed i faldoni chissà chi li buttò via secoli fa…..i giornali non li leggo più in parte per il nervoso ( visto ch ora capisco tutte le notizie…;)) in parte perchè si sono quasi tutti impoveriti. Ma nulla potrà sostituire la carta, le pagine, il loro tocco…

  4. wildestwoman ha detto:

    oggi i quotidiani non li sfogliamo più nemmeno noi
    internet da tutte le informazioni del mondo
    e i ragazzini, bene o male, forse ne colgono l’eco molto meglio di noi
    anche se non sembrerebbe, in effetti…

  5. Amelie Anna ha detto:

    Credo che ci siano ancora Sergio
    ma per fortuna la carta non è il web
    le notizie stampate sono diverse
    da gli annunci ;sul giornale devi cercare
    sul web apri e la notizia trova te..
    🙂

  6. elisa ha detto:

    … spero che ce ne siano ….
    io non riesco ad “affezionarmi” ai quotidiani online ….
    subisco ancora troppo il fascino della carta …

    buona serata 🙂

    elisa

  7. Tutto è digitale ormai. Nessuno legge più e chi lo fa, lo fa di fretta sul suo Ipad o di sfuggita sul suo netbook…e c’è da dire che si vedono proprio i risultati!!!
    Buon weekend!

  8. semprevento ha detto:

    la carta è sempre stata una bella passione…
    scriverci lo è alla pari…e poi andare a leggere…ancor di più.
    Il progresso caro mio, se porta migliorie, porta anche gravi perdite…
    Le edicole son spesso tristi…quasi deserte…la resa la sera è molta…
    colpa dei tagli alle nostre tasche?
    colpa di questa vita frenetica?
    Colpa del pc? Ipod e libri parlanti?
    Quelli son nati per aiutare i diversamente abili…eppure…
    eppure si sta perdendo il gusto all’odore…alla funzione che
    rappresentava….alla parola ” oddio ,non ho tempo neppure di leggere il giornale!”
    mentre si passano ora davanti alla tv e video giochi.
    Tempo fa una libreria organizzò il trexdue…bello!
    il terzo libro non lo pagavi…chiaramente era quello che costava meno…
    ma sempre una bella iniziativa….
    ……tu insegnalo ai tuoi figli a riconoscere l’odore della carta…vedrai…avrai ottimi risultati…
    Buone feste S
    io parto per l’isola…ma torno! 😦
    vento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...