anche oggi t’invado

quando riprendo ad ascoltare in auto questo cd è perchè qualcosa si sta smuovendo dentro

è un appuntamento implicito, un accordo tacito, una ricorrenza non calendariale eppure ben scadenzata

tra i pochi cantautori che ritengo possano definirsi artisti c’è Max Gazzè, uno fuori dal coro

che è forse uno dei migliori riconoscimenti che si possa fare nel desolato/desolante panorama musicale contemporaneo italiano e non solo

oggi questa traccia mi prende particolarmente, saranno le immagini che evoca, le parole a puntello di un tappeto di tastiere e ritmica, le metafore

insomma, bella, tanto

buon ascolto,

S

http://www.youtube.com/watch?v=NtzYc61y7Kk&p=DDABA016A45C576A&playnext=1&index=34

Cresce come un appetito
il desiderio blindato
della tua gentilezza
che prorompe sotto i colpi inferti
non curando le ferite aggiunte

anche oggi t’invado

dopo un assedio di capogiri
o smottamenti nella testa
sconfino sul tuo terreno e ci resto
come uno spaventapasseri
il ritratto di me disteso
mentre sparecchi la cena
e un fotogramma ricorrente
che ti stramazza sul divano sempre
in quella sezione di giorno

Non è più come prima
Non è più come prima
Non è piùE tu fai ancora passi indietro
stringi ancora le gambe al petto
e sembri una conchiglia rotta
dopo lo spavento dell’ondati difendi come puoi
dipende dai nostri umori
se la casa ci inghiotte
o ci starnuta fuori dalle stanze
come colleghi di lavoro
un amore si invecchiaNon è più come prima
Non è più come prima
Non è più

 da “Ognuno fa quello che gli pare?” (2001)

Max Gazzè

 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

6 risposte a anche oggi t’invado

  1. Salvo ha detto:

    Splendido Max Gazze, un pò di giorni fà ho postato una sua canzone secondo me magnifica, Mentre dormi, i suoi testi e la sua voce sono davvero splendidi, anche questo testo sembra poesia, buona serata amico mio

    • Mena Kisses ha detto:

      E davvero molto bella…Max Gazzè fa parte della cerchia di quei cantautori che esprimono il loro pensiero componendo musiche e testi di un certo spessore, a volte non condivisi pienamente da un pubblico di giovani, più diretti verso le canzonette…
      Sono motivi che quando li ascolti la prima volta ti entrano subito nella testa, quasi come se fossero in simbiosi con il tuo stato d’animo di quel momento…
      Musiche che non si dimenticano…
      Buona giornata, Mena

  2. mizaar ha detto:

    molto molto bella! 🙂

  3. Sonja A. ha detto:

    Lo voglio anch’io! 🙂

  4. maumozio ha detto:

    anche io sono un estimatore di Max Gazzé, belle parole nelle sue canzoni ma anche bella musica, come ne “Il solito sesso”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...