attimi in discesa

 

lo avevo visto in televisione e ne ero rimasto impressionato.
 
il paracadute portava lieve a terra quei soldati che atterrati oltre le linee nemiche avrebbero poi compiuto una azione miracolosa e risolutiva.
 
e quando si è piccoli la differenza tra realtà e finzione è labile, quasi inesistente.
 
mi nutrivo di quei film, erano per me come dei documentari, mi pareva che tutto fosse reale e veritiero.
 
ecco allora che pure io mi immaginavo di compiere quel tipo di azioni.
 
mancava però il paracadute.
 
allora provai con una busta della spesa di plastica, quella tipica degli ipermercati.
 
per fortuna mi buttavo da meno di due metri.
 
ricordo comunque l’impatto, in effetti un po’ diverso da quanto vedevo in televisione, diciamo.
 
il secondo tentativo, con un ombrello, non fu molto meglio.
 
ricordo la gioia di quei tentativi, il costruirmi le mie storie, l’andare in giro con la cintura dei cow-boy (avevo solo quella) a imitazione di quei paracadutisti tanto in gamba.
 
a ventun anni ho in effetti fatto tre lanci presso un reparto paracadustista…
e in quegli attimi di discesa, in un silenzio irreale che non ha senso neppure provare a descrivere, ho ritrovato quel bimbo, il suo sacchetto e l’ombrello, e gli occhi freschi di chi vive quello che sta accadendo…
 
 
(non so perchè oggi viene fuori questa cosa, forse per la scomparsa di Taricone e per avere letto del suo amore per il paracadutismo, un Taricone genuino nel suo essere se stesso in un mondo di finzione…)
 
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

9 risposte a attimi in discesa

  1. Amelie ha detto:

    forse la morte si raggiunge con un volo.l’unica non finzione dell’essere umano.kiss a presto.

  2. Rebecca ha detto:

    A volte leggendo cose attuale ci viene in mente alcune cose della infanzia.. io credo la morte e soltanto un nuovo inizio..

  3. dune mosse ha detto:

    ……..anche io penso che lui abbia solo iniziato qualcosa di nuovo….e forse di più conosciuto…….ma mi ha toccato molto…..forse è solo la sua vitalità….ed il mio essere fisico lo lega alla terra ;)comunque…..bello volare….in qualsiasi maniera…….;))

  4. Emanuela ha detto:

    A volte basta una parola, una notizia alla tv per riportare alla memoria cose vissute o pensieri accantonati in qualche area del nostro cervello. Sorrido, con la busta di plastica non ho mai provato,ma con l’ombrello si…Un abbraccio Sergio, bellissimo post.

  5. mara ha detto:

    A chi non piace la scossa adrenalitica che percorre il corpo quando si compie qualcosa di fuori dall’ordinario?Tuttavia, mi chiedo lo stesso: perchè correre rischi inutili? Sicuramente verrò giudicata un animo pavido, ma se questa vita è l’unica che ci è data da vivere, perchè giocarsela a dadi?

  6. Roberta ha detto:

    è sempre bello sentir raccontare cose dell’infanzia… anche se tornano alla mente per cose brutte accadute…ciao…

  7. ariel ha detto:

    qundo sono rimasta incinta ho smesso di volare ..ho il brevetto per il volo su parapendio..mi manca tantissimoma quando guardo mia figlia so’che non posso rischiare di lasciarla…..scelte..e’tutta una questione di scelte ..ciao S..

  8. L✿ry ha detto:

    Capita …una parola … un profumo … un gesto e ti ritornano in mente vecchi ricordi sbiaditi …è stato da sempre uno dei miei sogni un volo con il paracadute o un salto con free jumping …ma credo che resterà tale …perchè mio marito morirebbe dalla paura …anche ieri sentendo di Taricone …mi ha guardata come per dire …è una cosa stupida …

  9. evanescente ha detto:

    Soffro di vertigini e…anche salire su una scala mi crea problemi…mi dispiace per Tarricone…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...