04 novembre 2009

 

 

Ciascuno con il proprio sorriso, il proprio  sogno, il proprio destino, la propria famiglia…

 

Io li ripeto questi nomi di cui ci siamo dimenticati, questi nomi di perfetti sconosciuti…

E penso a quante persone conosco con quei nomi, e che avrei potuto essere io al loro posto o loro al mio…

Che ne so: il collega, il fruttivendolo, il meccanico, l’impresario…
 

Non mi va di discutere sul fatto che stessero lavorando, che avessero indosso una divisa, che portassero armi con sé…

 

Non mi va, per cortesia, non commentate neppure, ecco.

 

Ripetete solo i loro nomi, se lo volete…

E’ una preghiera pagana per dire “grazie ragazzi”…

 

S

 

***

 

  

   Massimiliano                     Enzo                                                                                                                                                   Giovanni                           Alfonso                       Alfio                     Massimiliano                                  Daniele      

           Filippo      

 Silvio         Giuseppe                          Ivan      Domenico   

                            Horatio             Andrea                     Emanuele       

                  Alessandro                  Pietro Stefano        

           Marco

 

(Nassiriya, 12 novembre 2003)

  

Antonio           Matteo           

         Davide                     Roberto             

                                                                 Gian Domenico                  Massimiliano

 

(Kabul, 17 Settembre 2009)

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

5 risposte a 04 novembre 2009

  1. ariel ha detto:

    va bene!cia’

  2. Carlo ha detto:

    Quanti nomi di innocenti, militari e non militari, sono morti …CI sarebbero innumerevoli elenchi da leggere.No Alla Guerra! Mai.Buona Giornata da Carlo.

  3. Rebecca ha detto:

    Partenza per la Guerra-Canto Pawnee-Vai,non voltarti,e non avere mai paurane’ vergognadi cadere.Ricorda sempreche anche l’aquila muore.

  4. Brazir ha detto:

    La guerra di PieroFabrizio de AndréDormi sepolto in un campo di granonon è la rosa non è il tulipanoche ti fan veglia dall’ombra dei fossima son mille papaveri rossilungo le sponde del mio torrentevoglio che scendano i lucci argentatinon più i cadaveri dei soldatiportati in braccio dalla correntecosì dicevi ed era invernoe come gli altri verso l’infernote ne vai triste come chi deveil vento ti sputa in faccia la nevefermati Piero , fermati adessolascia che il vento ti passi un po’ addossodei morti in battaglia ti porti la vocechi diede la vita ebbe in cambio una crocema tu no lo udisti e il tempo passavacon le stagioni a passo di giavaed arrivasti a varcar la frontierain un bel giorno di primaverae mentre marciavi con l’anima in spallevedesti un uomo in fondo alla valleche aveva il tuo stesso identico umorema la divisa di un altro coloresparagli Piero , sparagli orae dopo un colpo sparagli ancorafino a che tu non lo vedrai esanguecadere in terra a coprire il suo sanguee se gli sparo in fronte o nel cuoresoltanto il tempo avrà per morirema il tempo a me resterà per vederevedere gli occhi di un uomo che muoree mentre gli usi questa premuraquello si volta , ti vede e ha pauraed imbracciata l’artiglierianon ti ricambia la cortesiacadesti in terra senza un lamentoe ti accorgesti in un solo momentoche il tempo non ti sarebbe bastatoa chiedere perdono per ogni peccatocadesti interra senza un lamentoe ti accorgesti in un solo momentoche la tua vita finiva quel giornoe non ci sarebbe stato un ritornoNinetta mia crepare di maggioci vuole tanto troppo coraggioNinetta bella dritto all’infernoavrei preferito andarci in invernoe mentre il grano ti stava a sentiredentro alle mani stringevi un fuciledentro alla bocca stringevi paroletroppo gelate per sciogliersi al soledormi sepolto in un campo di granonon è la rosa non è il tulipanoche ti fan veglia dall’ombra dei fossima sono mille papaveri rossi.

  5. Armonia ha detto:

    La Pace deve essere senza"se" e senza "ma".Perchè i "se" ed i "ma" portano in seno il seme della guerra.Dal tuo "non commentate" ero indecisa se commentare.Ho commentato e spero di non aver sbagliato.Armonia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...