che si mangia, oggi?

 
 
 
sono convinto che ci nutriamo costantemente.
 
e non parlo di cibo "grossolano", quello che si consuma a tavola…
parlo delle immagini, dei suoni, delle idee, delle percezioni che ci avvolgono costantemente…
 
un cibo sottile che però, come quello reale, ci nutre, non nel fisico ma nell’anima…
 
come tutti i cibi ve ne sono alcuni salutari e consigliabili, altri meno…
 
mi viene subito in mente la televisione, più fonte di stress che altro (ad esempio un telegionale mentre si cena penso sia dannosissimo…), oppure certe riviste o quotidiani allarmistici che fanno terrorismo con notizie racapriccianti…
 
il suono, bè, chi vive in una città sa il frastuono di certi momenti…
per fortuna possiamo selezionare che musica ascoltatre in auto piuttosto che a casa…
 
ed i colori, il calore o meno che ci trasmettono, l’energia che emanano…
 
le idee, bè, quelle sono davvero personali però risentono, più di quanto immaginiamo, del "contorno": le persone che abbiamo attorno ci "condizionano" perchè ci trsmettono il loro mondo, le loro idde, i loro punti di vista…
 
insomma, viviamo in un turbinio di cibo…
auguriamoci di avere a disposizione un menù da cui scegliere cose positive per la nostra salute…
 
buon appetito…
 
Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

13 risposte a che si mangia, oggi?

  1. Carlo ha detto:

    Il menù delle cose del mondo è vasto e praticamente incommensurabile..In realtà al mattino ci svegliamo consci solo delle esperienze fin lì acquisite, quindi a priori sappiamo quali sono i nostri languori o appetiti culturali e per le novità di solito ci facciamo sostanzialmente trascinare da correnti a cui, a volte anche troppo, ci affidiamo come televisione stampa, internet…Buona giornata da Carlo.

  2. Dora ha detto:

    L’osservazione del fatto che ognuno di noi rappresenta se stesso dinanzi agli altri non è certo originale, quello che, concludendo dovrebbe essere sottolineato è che la stessa struttura del sè può essere vista in termini delle tecniche e degli strumenti adottati per tali rappresentazioni.–(Goffman)……….Ho voluto riportare questa nota di Goffman con la quale avevo chiuso un mio post……………….la conoscenza di quanto scrivi caro Sergio è di tutti, la consapevolezza di pochi……Un caro saluto

  3. Rebecca ha detto:

    Un Blog, che fa riflettere.. In questo periodo il nutrimento informativo fa molto male, la tv, giornali internet e pure la lettura in generale sono simile al fastfood, e come sappiamo tropo fastfood non fa bene.. ma infondo siamo noi che scegliamo questo tipo di cibo, quasi quasi non siamo più abitato nutrirsi con un cibo energico .. Ma poi se trovi cose buone per la mente interiore, poi ti rendi conto quanto stavi male, e come di avere un tumore .. qualcosa che blocca il orizzonte spirituale.. “Nel cuore di ogni uomo è radicato un appetito spirituale per una fede assoluta, duratura e positiva in un’esistenza futura. Essa lo rende tranquillo. Una fede di questo tipo è la base indispensabile della personalità.” – Thomas Wildcat Alford, Shawnee

  4. py ha detto:

    la conoscenza di quanto scrivi caro Sergio è di tutti, la consapevolezza di pochi……Dora ti ha scritto una cosa importantissima….condivido

  5. ventodeldeserto ha detto:

    …se tutti fossero consapevoli……consapevolezza , bellissima parola……ma va masticata, spezzettata, assaporata……e poi ingurgitata….va sentita dentro lo stomaco , deve riempire ogni spazio vuoto…..ma non è così.Se così fosse non ci sarebbe niente di negativo in questo passaggio, che è la vita tutta.Non ci sarebbero sprechi, mancanze, carenze …..abusi e neppure pienezze…..del "noi" passato lasceremo un ottimo presente …….ed un futuro migliore…..di noi invece c’è uno strascico, un indegno volersi male…..la catena alimentare è come la vita…….se manca qualcosa è sempre un eccesso……buona giornatavento

  6. giuseppe ha detto:

    …voglia di liberta’ che e’ scelta e consapevolezza,in un tempo …dettato dai media e dai loro rumori con l’ "io"che si e’ calato le braghe!..ma ci scommetto..le mie "presunte" bretelle che ritorneranno i tempi d’oro…o dio!(Vico docet!)..anche se il luna park non finira’ mai….orsu’ caro Sergio..confidamus..intanto condivido e ricambio ..buon appetito anche a te…ora e qui!ciao

  7. Dora ha detto:

    Sergio mi hai fatto ridere………troppo simpatico quel "me lo spieghi meglio??"………….certamente che lo faccio, questo è il bello di comunicare, quello vero, non quello io capisco tutto (invece non si è capito un accidenti )……in questo caro Sergio posso dire che sono identica a te…io se non capisco chiedo…..sempre!!Allora…….. Ivana, vento saggio ha già anticipato gran parte della spiegazione, infatti la "consapevolezza" per quanto sia una bellissima parola, il suo esserci richiede uno sforzo che va al di là.Non condivido la seconda parte della mia amica, ossia che la presenza della consapevolezza impedirebbe il negativo. Non credo che sia così, per il semplice fatto che si può essere consapevolmente l’opposto della virtù…..Ogni consapevolezza è frutto non solo di conoscenza ma anche di esperienza, è dall’esperienza che noi acquistiamo gli strumenti per rappresentare il nostro sè……………come sottolinea giustamente Goffman….e non è la consapevolezza di questi strumenti che ci farà essere più buoni o meno buoni……quella è morale.(per Ivana: cara anch’io come te prima pensavo bastasse la consapevolezza….ma purtroppo non è così).Ora nel post tu auspichi un buon menù………ma un buon menù messo a disposizione richiede un azione che è la scelta. Di menù belli e appetibili per la nostra salute psico-fisica ne abbiamo a bizzeffe ma…..non è nel menù che troveremo il positivo per la nostra vita….ma nella consapevolezza di aver scelto il menù giusto per noi!!Per cui alla domanda cosa mangiamo oggi?…io rispondo: assuefazione!Spero di essere stata più esplicita……….anche perchè il discorso come ben sai è molto più lungo…..in questi spazi purtroppo la comunicazione domanda/risposta avviene in tempi lenti, e in spazi ristretti…………ops….Sergio ma sai che sto riflettendo sull’ultima frase??…vuoi vedere che in questi spazi ristretti riusciremo con il tempo a racchiudere Km di senso in poche parole?mmmm…..sarebbe bello!Ti abbraccio Sergio e un saluto tutti..

  8. sergio ha detto:

    bè, mi è sempre particolare scoprirmi bulimico di tutto…un "eccesso" di voglia di vivere le cose, le situazioni, i rapporti…e tutto ci entra dentro all’infinito e ci attraversa…cumuli su cumuli di emozioni, enormi draghe a spostare i carichi sul cuore…in una rincorsa infinita invisibile agli altri…una spossatezza da indigestione…una bulimia che cerca di sfamare il non sfamabile…e ci lascia anoressici di noi stessi, a volte…

  9. py ha detto:

    gli "eccessi" fanno male….sempre

  10. antonella ha detto:

    nutrirsi, bombardamento di cibo? penso che siamo noi a scegliere di che cibo nutrirci, quindi, a mio parere, di fronte al bombardamento occorre mantenersi critici ed elettivi. E cercare sempre di avere consapevolezza di ciò che mangiamo. E guardiamoci dai cibi che, per il loro aspetto, sono invitanti ma che poi risultano indigesticiaoe buona serata

  11. ReS ha detto:

    In un libro di Analisi Transazionale di Berne ho letto, tempo fa, che, come ogni corpo umano ha fame di cibo e di vitamine, il sistema nervoso ha fame di sensazioni e crollerebbe se ne fosse privo.C’è una parte del cervello che deve essere ogni giorno stimolata e nutrita perchè l’essere umano si mantenga in buone condizioni di salute. La maggior parte degli esseri umani avverte fame di contatto umano in forma visiva, uditiva e tattile.Il riconoscimento verbale può in parte sostituire il contatto fisico e ciò significa che il semplice saluto di un amico può impedire la degenerazione del midollo spinale……Se una persona non riceve riconoscimenti da qualche suo simile, la sua mente e la sua umanità si inaridiscono. Dunque, dopo il cibo che ingurgitiamo, è questo il tipo di cibo di cui abbiamo bisogno.Buona serata.

  12. Rosaspina ha detto:

    Eh Mo!che si mangia oggi…tutto è così cancerogeno…forse è meglio che incomiciamo a vivere in campagna a contatto con la natura, ascoltare il canto del gallo… il cinguettio degli uccelli…. la musica che vuoi…pensieri in libertà…un menù un pò dietetico ma forse più Salutare…SARA’ VERO?E CHI LO SA!

  13. Francesco ha detto:

    il tg cerco di vederlo dopo cena… se appaiono certi servizi insensati, mollo dei rutti digestivi che si sentono per tutto il palazzo! ;-pscherzi a parte, il "cibo" di cui usufruisco è molto vario… stamane era un noioso purè freddo, quando sistemavo i libri sulle mensole appena montate ieri sentivo una musica in testa, una musica moderna ma allo stesso tempo antica, un sirtaki, alimentato a sua volta da alcuni libri le cui copertine erano una statua neoclassica, i mulini di mikonos, il partenone di Atene, poi passo ad insieme di copertine di libri gialli ed ecco la sigla della scrittice/iettatrice più famosa della tv italiana… la signora Fletcher!!!Ed infine, la musica del traffico prima di arrivare al lavoro, la trovo più interessante della canzone trasmessa per la 200.000ma volta dalla sterile ed insipida radio aziendale… e dopo… sazio, eccomi qui a controllare prima di dormire, la posta. Il blog.Un briciolo di vita virtuale, forse più interessante di quella reale!Ahò… mi sa che ho fatto indigestione!!! ;-p

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...