la libertà integrale dello yoga (Selene Calloni)

 
venerdì pomeriggio via mail ho mandato a persone che ritenevo potessero apprezzarlo un brano di Selene Calloni tratto da "Quaderni di Yoga, 1" della Magannelli di Torino…
ad oggi mi sono giunti in privato commenti bellissimi…
mi auguro che i miei contati vogliano postare come commento le riflessioni che questo brano ha suscitato in loro…
 
grazie…
 
 
 
 
 
 
 
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

9 risposte a la libertà integrale dello yoga (Selene Calloni)

  1. antonella ha detto:

    Ho letto il brano e ti scrivo un pò di riflessioni…poi, passati i giorni, maturerò meglio questo scritto e magari ti scriverò ancora Mi piace molto il concetto di liberarsi dalla paura di sè stessi. Essere sè stessi è essere liberi. Vuol dire liberarsi dal sogno mentale del proprioo io, dalla propria individualità. Per questo il bellissimo mantra : Io non esisto In effetti sembrerebbe una contraddizione. prima dice di essere sè stessi e poi di liberarsi dall’Io, ma il sè stesso non è l’Io. Solo liberandoci dalla mente che c’imprigiona nella realtà, in giudizi mentali, noi siamo noi stessi e liberi.E come? Considerando il nostro corpo, la sua vita, la sua morte. Considerando il nostro corpo strumento di unione tra Cielo e terra, tra spirito e Materia e quindi vivendolo fino in fondo, vivendo la Natura che è dentro di noi. Un corpo libero, che segue la Natura, che si abbandona al proprio istinto. E’ un concetto che mi piace. Riscoprire il nostro corpo, dargli valore, sentire il respiro, il battito del corpo, godere del cibo, lasciarsi andare alla propria sessualità, senza pregiudizi e vincoli. In tal modo arriviamo al Mantra:SAT CIT ANANDA. L’esistenza è infinita coscienza e gioia, è libertà. Libertà di elevarci, nel tutto, nel Cielo. La Natura è gioia, libertà, il corpo è gioia e libertà. Elevarci in Cielo ma poi ritornare nella Materia con una consapevolezza nuova. Questa idea da un senso di pace e libertà. Penso anch’io che per essere felici e liberi occorre liberarsi da un concetto dell’io che è legato alle cose che facciamo, a ciò che siamo, dobbiamo cambiare il nostro punto di vista interno…considerando e dando valore alla vita quotidiana ma con la consapevolezza che quello a cui siamo legati non è il nostro vero Sè. Mi fa pensare all’esperienza interiore di Terzani, che , una volta appresa la sua malattia, è andato in India e ha fatto esperienza di varie pratiche spirituali e alla fine si è fatto chiamare IL SENZA NOME. Si è liberato dal concetto dell’io, dell’identità che divide, che separa, ed isola, che è limite mentale e ha abbracciato il Sè Universale, la coscienza di essere parte di un Tutto. Dell’Uno e del Molteplice. Ma per arrivare a questa consapevolezza e viverla ce ne vuole… Penso che questa posizione ciascuno la possa condividere o no. E’ un punto di vista e poi ognuno fa le sue esperienze e ne ricava certi pensieri.la domanda che mi pongo è questa…dice che la mente rende schiavi , allontana dal vero sè ma non si può considerare questa dottrina frutto essa stessa di schemi mentali che rifiuta? in fondo divide cielo e terra, sè ed io, libertà e schiavitù…non sono anch’essi schemi mentali?io non discuto sulla teoria che è affascinante ma che non è detto che sia la Verità…ciascuno , se vuole, la può vivere ed è questo forse è ciò che importa, più delle parole e delle dottrine ..è fare esperienza…La verità è forse ciò che ognuno trova in sè, nel silenzio, nella solitudine, con la sua sensibilità e che poi vive nella vita quotidiana…non è tanto qualcosa di cui si parla, ma qualcosa che si sente, se ne fa esperienza interiore…ognuna la propria… E, da ciò che ha scritto Ivano, mi è venuto da pensare che se senz’altro occorre liberarci da schemi mentali che limitano il nostro sè, in certi casi questi schemi mentali sono utili, per capire ciò che vogliamo…a volte sono necessari per fare delle necessarie differenze:Perchè se si accetta l’idea che tutti faciamo parte del Sè, tutti per dirla alla cattolica, veniamo dallo stesso padre, però non tutti vivono la vita in modo positivo, Come tu hai scritto ci sono persone che non si sforzano di andare oltre, di avere altri punti di vista,di approfondire, sono attaccati ai loro ruoli, a volte negativi, penso ai nazisti, a chi distrugge la natura, a chi tortura ed uccide animali, penso a chi calpesta i diritti umani, a chi persegue potere e sopraffazione. Forse gli schemi mentali servono anche per capire che non siamo uguali e che occorre combattere le ingiustizie, che bisogna dissentire da certe posizioni di morte, per costruire un mondo più giusto e solidale. Anche i monaci tibetani hanno protestato per ciò che ritenevano giusto…Insomma si comprendere di essere nel Sè, il Sè, ma anche vivere nella Terra per portare avanti ciò che si pensa sia giusto per sè e per il mondo. Penso questo. La nostra vita quotidiana ci porta a non vedere la realtà, che non è distinta da noi, ci impedisce di essere liberi perchè c’imprigiona nella nostra identità, frutto anche della nostra fisicità, forma diversa da quella degli altri…da quando nasciamo noi ci distinguiamo, noi abbiamo un nome…ci distinguiamo dal tutto. In realtà noi siamo il tutto. Come l’onda che non deve diventare oceano ma deve solo riconoscere che è oceano, così noi dobbiamo riconoscere che siamo il tutto, che siamo il Sè, la coscienza universale, il soffio vitale non so. Non c’è differenza, non c’è distinzione, Non ci sono categorie; noi, Dio, il mondo, la Terra , il Cielo ma tutto è uno, uno che prende molteplice forme e che sono quindi l’uno. Credo molto in questo, in questa unità del mondo. Credo nell’empatia verso tutto e tutti e nella compassione.Credo che la vita che ci è data è unica e che quindi occorra viverla nel migliore dei modi, credendo in certi valori, ricercando qualcosa di profondo, ri cercando chi siamo veramente, ma chissà se ci riusciamo. L’importante è tendere a ciò e una cosa è certa che nasciamo e muoriamo, che c’è un ciclo naturale al quale anche noi apparteniamo…e che se noi muoriamo poco importa all’universo, il sole continuerà a sorgere e a tramontare, il passero a cinguettare e la montagna a stare sempre là…, insomma la vita continua dopo di noi, così come c’era prima di noi…L’importante è vivere in un certo modo…più che parlare, più che costruire teorie…e qui viene il discorso del silenzio. Necessario per sentire meglio, per comunicare…Ho letto che Ramana Maharishi, aveva scelto come guru la montagna Arunachal (il che dimostra quanto la montagna elevi…faccia meditare, pensare e liberi dalla mente…purifichi…) e diceva: Ci sono vari modi di comunicare con qualcuno, toccandolo, parlandogli, ma soprattutto col silenzio". Il silenzio è concentrazione, profondità forse questo mio scritto ti appare lungo (sono piuttosto prolissa e ripetitiva…) e confuso …sono delle riflessioni che ho buttato giù così…fammi sapere e grazie di avermi mandato questo scritto , anzi se mi puoi consigliare o mandarmi qualche lettura ..ne sarei felice.. ieri sera ho ricominciato lo yoga …una nuova esperienza ciao, buon pomeriggio

  2. ventodeldeserto ha detto:

    che cosa posso dirti che non sai già…….non posso aggiungere nulla…….io posso solo imparare….e cercare di seguire …….assemblare…….inglobare…..dentro di me….è difficile sai…..Non ho mai seguito corsi di yoga……..ho letto qualcosa…….ma alla fine mi sono lasciata sopraffare dalla vita, e quando sei presa da mille problemi…..dimentichi te stessa….corri verso gli altri che sai che hanno bisogno di te….è difficile caro mico combattere …………vorrei però raccontarti una cosa carina che spero ti faccia sorridere….molto tempo fa, per un caso fortuito della vita, ho dovuto recarmi a Tarquinia insieme a mia figlia.Tarquinia marittima è un posto tanto carino……..c’è un bel mare….e lì gli appartamenti non hanno riscaldamento……..Nella casa che ci ospitò, notai questo particolare…….notai che affacciandomi al balcone si vedeva il mare……bellissimo……si vedenano i pini altissimi……e stranamente esano rigogliosi…….la strada poco trafficata……i palazzi e le villette ancora disabitate……quasi tutte…pasvamo le gioirnte al mare…eral’inizio di giugno……….le scuole non erano ancor finite…..l’aria era frizzante…..secca……..sulle spiaggie c’erano solo mamme con bambini piccolini……….era uno stacco al quotidiano vivere…..La mattina Sara dormiva sino alle 10.30. Io allora compri un album d disegno…….le matite e carboncini me li ero portati d casa…sulla terrazza c’era un tvolo con due sedie bianche…….per me er come strare sotto ad un gazebo…….circondata d fiori , alberi, e tnti cinguettii………………………….piangevo………malinconicamente la mattina mi alzavo e spervo in un mircolo…….bevevo il mio caffè……..me ne stavo seduta davanti a tanta bellezza…….e riuscivo solo a vederla bellissima……respiravo forte………..poi…….disegnavo …e mi staccavo da tutto………..poche ore…….poco di tutto………………..ma era bellissimo……..Un giorno arrivò a prenderci una signora molto carina……….sorella di una mia amica………dolcissima……tenera……e l riconobbi………..Anna……ma si ,è lei………Ci salutammo ,e poi salimmo in auto……stavamo andando nel suo studio…….lei è un insagnante di yoga………piccola , quasi fragile nella sua fluente delicatezza……….avev un luce negli occhi che non ho mai visto in nessuno…….quando me l presentò l mia amic , notai questa cosa, quel suo garbo cristallino nel porre domnde……nel rispondere….e quell grazia nel porgere la mano……nel regalre un sorriso………mi credi se ti dico che mi innamorai di lei?……….era quello che avrei voluto esprimere io……..mi innamoro sempre delle persone graziose……….del loro modo di porsi……..Non sapevo che aveva passato 7 anni in india …che aveva il suo maestro……che aveva fatto un lungo percorso di introspezione…….e che spesso tornava làQuello era il risultato………un tesoro dentro l’anima.Ci invitò ad una lezione………la musica ….l’incenso……la concentrazione……….e tutto il resto…………fu bellissimo……Alla fine della lezione mi sentivo leggera……..stranamente serena………con qualcosa dentro che non capivo…e che forse non capirò mai………Di li a poco io e Sara dovevamo ripartire per tornare di nuovo a casa……………………..Portai con me quella sensazione leggerissima di trasporto…e cercai di custodirla. il più a lungo possibile…….Ma …..una volta a casa…………tutto tornò nel buio………..Ammiro chi sostiene tali discipline…chi ne parla con tanta passione…….chi sostiene che è un modo dolcissimo di di rispecchiarsi dentro l’anima……………e tutte quelle parole che la dolce antonella ha scritto con tanto diletto………comprensibili anche per me……..Non posso aggiungere altro…….credo che tu abbia capito……………la vita per me vorrei fosse un sorriso………in ogni senso……ma non solo con le parole……….buona seratavento

  3. JACKMAX ha detto:

    vado a comprare microscopio e poi ti commento….

  4. ... elisazingarafelice ha detto:

    Un’oasi di pace , …ecco la sensazione provata entrando qui …grazie …Namastè …elisaP.s. salvo el immagini e provo ad ingrandirle … poi ti diro’ … sorrisi …

  5. py ha detto:

    l’ho ricevuta e non ti ho neanche ringraziato…per ora me la sono salvata e, sono sincera, non ho ancora avuto l’occasione per leggere il tutto…ma lo farò

  6. Carlo ha detto:

    Testo troppo piccolo e commenti troppo impegnati…Felicità è anche leggerezza…Ama gli altri come te stesso, ed avrai il senso dell’Universo.Buona serata da Carlo.

  7. Amelie ha detto:

    idem come maxgià sono ciecacomunque provo con lo zoome mi zummo dentropoi ti dicoun kiss—————:)grazie

  8. sergio ha detto:

    ah ah ah …il microscopio….mi fa scoppiare dal ridere questa battuta di Max….comunque è sufficiente salvare l’immagine sul vostro desktop e poi zoommare a piacimento (magari rimpicciolendo ???)…:-)

  9. sergio ha detto:

    @vento: il tuo disegnare di quei momenti era il tuo yoga, come quel bellissimo ritratto di tua figlia…grazie di questo tuo vissuto raccontato…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...