La merce preziosa.

Mentre carichi la macchina a fine giornata con gli scatoloni in cui hai ben riposto gli oggetti messi in mostra, sai di portarti dietro una merce rara che non possedevi la mattina mentre montavi il gazebo ed il banco di esposizione.

Quell’attesa di cose, di parole e saluti è stata ripagata oltre la misura che speravi.

Così ora ti trovi con questa scatola invisibile eppure ben più pesante delle altre, in cui conservi, avvolti in panni morbidi, i guizzi negli occhi, il nascere dei sorrisi e l’illuminarsi dei volti delle persone che hai visto avvicinarsi a te, farti domande piuttosto che osservazioni, chiederti prezzi e contrattare.

Che è questo il vero tornaconto della tua giornata, mica quelle banconote, che di fatti getti in un borsello in disparte, quasi non fosse cosa tua, quasi non ti riguardasse. Un oggetto tra oggetti, così hai sempre considerato il denaro, tenendoti ben libero dalla sua adorazione e conseguente schiavitù.

Te che per tutto il giorno hai venduto, sai perfettamente che in realtà hai sempre solo acquistato.

Ecco allora il perchè della pace e serenità che ti invade in quei momenti di fine giornata, quando tutto assume un significato preciso, quando non hai bisogno di farti domande ed avere risposte.

Tornando a casa maledici quella salita troppo ripida, sebbene nel tuo cuore la benedici perchè sai che domani diventerà per te la discesa che ti porterà veloce verso un nuovo carico di merce preziosa, invisibile agli altri.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

3 risposte a La merce preziosa.

  1. YakkyMax ha detto:

    Cari Amici…andiamo in cucina e procuriamoci:GESTI COLORATI E PICCOLE DISOBBEDIENZE.Ovvero:un pizzico di pazzia,un contorno di delicatezza,un intrigante accompagnamento di trasgressione.MESCOLARE IL TUTTO E SERVIRE A DOSI RAGIONEVOLI SENZA STRAFARE.Buona Vita… Buon Appetito a Tutti…YakkyMax (il collezionista di attimi)

  2. JACKMAX ha detto:

    èèè caro mio come hai ragione…io che vivevo per regalare emozioni ed iun realtà vendevo musica…mi nutrivo di soddisfazioni e di rapporti umani…tutto il resto era solo mestiere e bottega ma dalle mie casse usciva tanta musica piu dei soldi che entravano nel registratore di cassa….tante emozioni e pochi milioni…ma i milioni vanno e le soddisfazioni restano e ritornano..

  3. Amelie ha detto:

    L’importante è ogni giornoavere qualcosa da ricordarenon solo mercanziaè molto difficile staccarsi dal denaroormai ha invaso tuttoresistergli è la meta.kiss

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...