leccare un rasoio coperto di miele, gustando contemporaneamente il dolce del miele e l’acre del sangue

 
 
 

(…) la saggezza folle di Padmashambava, una figura sia storica sia simbolica. Storicamente fu il portatore del Buddhismo dall’India al Tibet, simbolicamente è l’incarnazione della mente illuminata, le sue qualità di freschezza e creatività. Padmashambava, simbolo della “saggezza folle”, è la capacità di applicare la freschezza dell’illuminazione in ogni esperienza, senza dover passare attraverso percorsi preliminari.

La “saggezza folle” è anche chiamata “saggezza della non paura”. La prima verità buddhista è la sofferenza, ma la “saggezza folle” la guarda da questa angolazione: il dolore c’è, la sofferenza esiste, ma non dobbiamo fuggirli. Anzi, dobbiamo berli fino in fondo, assaporarli fino in fondo senza paura. La “saggezza folle esperisce qualunque cosa. Qualunque oggetto sorga nelle cinque sfere sensoriali viene esperito completamente, autenticamente, senza scrupoli reconditi, senza paure di alcun genere. La “saggezza folle” è la capacità di fruire delle cose con immediatezza, senza frapporre speculazioni, ragionamenti o pregiudizi. Fruire completamente dell’esperienza per quello che è.

E’ l’esatto contrario dell’atarassia. Non diventiamo rincoglioniti, ma freschi. Diventiamo capaci, per dirla alla tibetana, di leccare un rasoio coperto di miele, gustando contemporaneamente il dolce del miele e l’acre del sangue. Assenza di paura è sapere affrontare la vita completamente, qualunque cosa si presenti. E’ la capacità di rapportarci in maniera fresca, diretta e totale con la qualità intrinseca della vita.

 

da “La saggezza folle” di Marco Valli, Magnanelli, Torino, 1995.

 

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

4 risposte a leccare un rasoio coperto di miele, gustando contemporaneamente il dolce del miele e l’acre del sangue

  1. Carlo ha detto:

    Il Dolore c’è..il dolore esiste, ma non dobbiamo affrontarlo, ne sfidarlo. Bisogna conoscerlo e studiarlo, ma non crearselo adornandolo di miele…C’è tanto dolore gratuito, che non vado certo a cercarmelo, il mio compito è far affiorare il bene dal male non ricavarne gusto dal male…Buon Mattino da Carlo.

  2. isa ha detto:

    mi piace, e sono daccordo su tutto

  3. ђคгเєl ha detto:

    Difficile vivere senza nessuna paura…E forse, anche errato non averne.

  4. angela ha detto:

    Solo quando arrivi fino in fondo al dolore senti davvero quanto complessa sia l’esistenza e non hai più paura. Gli anelli concatenati tra lo ti porteranno sempre da qualche parte ed ogni volta sei sempre all’inizio e non alla fine…l’eterno vivere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...