novena di Natale

 

il pensiero torna alle "novene di Natale", quei nove giorni che precedevano la solenne "Messa di Mezzanotte" con l’annuncio della nascita di Gesù…

nove giorni di preparazione all’evento, in cui si andava in chiesa il pomeriggio tardi per una funzione in cui si ascoltavano temi tratti dai Vangeli sulla natività e si cantavano brani legati al Natale…

certo ero piccolo, penso di avere iniziato a tredici-quattordici anni…

e siccome vivevo alla periferia del paese dovevo usare la bicicletta o andarci a  piedi…

ed era bello: l’atmosfera di attesa che si viveva, il conto alla rovescia dei giorni, le rassicurazioni della mamma "se fai il bravo ci sarà un premio a Natale…"

forse è stato in cose come il silenzio e freddo della chiesa vuota quando arrivavo tra i primi (il mio essere sempre in anticipo è una cosa che mi porto dietro da allora…), la luce delle candele votive che risplendevano nel buio e quel senso di entrare in un luogo "di pace" quasi al di fuori del mondo, il motivo del sentirmi a mio agio in quel tipo di ambiente…

e poi, ovvio per quell’età, l’imbarazzo di essere chiamato a leggere dei brani davanti ad altri, piuttosto che affrontare la paura del buio al ritorno recitando non so più quante Ave Marie…

così, ora, sentendo il carillon serale di Leonardo, "versione natalizia" (con tanto di commutatori stagionali ‘sti oggetti, ormai…) sento risuonare certi brani ma, soprattutto, certe emozioni di oltre venti anni fa…

 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

3 risposte a novena di Natale

  1. Emilia ha detto:

    E’ bello se riesci a viverle ancora nello stesso modo. Io non le ho mai sentite così nemmeno da piccola, pensa che cantavo persino in chiesa. Giusto la sontuosità della messa di mezzanotte e la fatica di restare sveglia fino a quell’ora. Il resto è quasi tutto dimenticato!!Buona settimana.

  2. Cinzia ha detto:

    Il frate da cui vado sempre mette una nota anche per la grande comunità ebraica… l’Emmanuel in latino credo sia la manifestazione totale di devozione fideistica che mi cattura nonostante guardi questa tradizione con distacco… cosa può fare l’uomo quando Sente?

  3. Armonia ha detto:

    Certe emozioni non si cancellano mai.Si modificano con la maturità, ma mai si cancellano.Buon Tuttoin Armonia

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...