saggezza buddista

 
Una delle cause primarie di sofferenza è l’illusione, ossia la nostra incapacità, a causa di una sottile ostinata cecità, di vedere le cose nel modo in cui stanno davvero, unita alla predisposizione a vederle in modo distorto. Il mondo è, in effetti, un’unità dinamica e senza giunture, un singolo organismo vivente che subisce costantemente il cambiamento. La nostra mente, tuttavia, lo taglia in pezzi separati e statici, per poterlo maneggiare mentalmente e fisicamente. Una delle creazioni più care della mente è l’idea della persona e, più precisamente, di una persona molto speciale che ognuno di noi chiama «io»: un io visto come separato e durevole. Prima viene «io» e poi tutto il resto; ciò implica conflitto e sofferenza, poiché «io» non può controllare quell’incommensurab ile vastità con cui si confronta. Ci proverà, naturalmente, come una pulce potrebbe scagliarsi contro un elefante, ma è un’impresa inutile.

(John Snelling)

 
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...