la verità…

 

***

 

La verità era uno specchio che, cadendo, si ruppe.

Ciascuno ne prese un pezzo e, vedendovi riflessa la propria immagine, credette di possedere l’intera verità.

(Jalal ed Din Rumi)

 

***

 

mamma mia quanta presunzione, quanta poca disponibilità a mettersi in discussione, quanta "paralisi"…

è quello che constato in me di fronte ad aforismi come quello riportato sopra…

quanta strada ancora per potersi definire "uomo libero": in realtà ognuno ha i suoi propri "punti fissi" che sono irrinunciabili…

e poi si ha un bel dire a professarsi "liberali", "di mente aperta"…

 

così attraverso le "lenti" delle nostre fissazioni guardiamo al mondo e ci incazziamo non poco quando il "fuori" non è coerente con il nostro "dentro", dimenticandoci che ognuno vive la sua di vita, con punti di riferimento magari davvero distanti dai nostri…

 

e noi ad incaponirci, a cercare di "salvare" il prossimo…

mentre in realtà non ci accorgiamo di attentare alla Bellezza del suo modo UNICO e IRRIPETIBILE di essere e di esistere…

 

e si apre allora il capitolo del sapere Amare davvero il prossimo nella sua unicità, ma su questo magari torno più avanti…

 

S

 

 

 

 

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

2 risposte a la verità…

  1. Michelangelo ha detto:

    Interpretazione esoterica di:
    ED E’ SUBITO MATTINO
     
    Ognuno sta solo sul cuor della terra trafitto da un raggio di sole:  ed è subito sera.
    Il Poeta affida un messaggio di verità al tempo affinché lo perpetui nel mondo. Egli è l’Iniziato che offre all’umanità un granello di sabbia – “un raggio di sole – del deserto della verità.   Ma la verità se svelata – “ad ognuno che sta solo sul cuor della terra” – verrebbe fraintesa, manipolata, snaturata -“ed è subito sera”-.   
    Allora  il messaggio viaggia celato sulle ali del tempo, fino a quando un Maestro in una delle infinite stazioni lo ferma lo Svela e ri-Velandolo lo restituisce al tempo.
    I contenitori sono tanti e di diversa natura ma tutti esoterici.   E la verità viene sintetizzata, criptata,  contrapposta e rovesciata, ridotta ad un segno, una figura, una frase, una parola, un “quadrato magico” un numero, un simbolo. Quasimodo ha scelto lo specchio, l’immagine speculare, l’opposto di quel che appare, il divenire di quel che era, quello che è e quel che sarà, il serpente che si morde la coda, l’oroborus.
    Il messaggio di verità e di speranza –  Trafitto da un raggio di sole – protetto, e sigillato tra l’immagine della solitudine e quella della terra, svelato si leggerà come “ la quiete dopo la tempesta” o “mi illumino d’immenso”, e si può scrivere:
    Nessuno sta solo sul cuor della terra  illuminati da un raggio di sole: ed è subito mattino.
     
    Ma la verità? Ricordati: la verità …è sempre oltre.

  2. sergio ha detto:

    ottimi spunti di rfilessione, grazie !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...